venerdì 30 settembre 2011

Muffin alla vaniglia divertenti






Ieri per i miei nipotini ho preparato questi muffin alla vaniglia, il gusto è abbastanza neutro e quindi si può personalizzare con qualunque altra spezia o ingrediente vi piaccia. Ma la cosa più divertente è stata decorarli, quindi via libera alla fantasia!!!

Ingredienti:
- 100 gr di burro
- 130 gr di zucchero
- 120 gr di farina
- 2 uova
- 1 bustina di vanillina
- 1/3 di bustina di lievito
- 1 pizzico di sale
- 1 confezione di glassa bicolore PaneAngeli
- zuccherini colorati o codette colorate.

Lavoriamo il burro fuso con lo zucchero, poi aggiungiamo la farina, le uova, il sale, la vanillina e il lievito. Inforniamo a 180°C per circa 15 minuti.
Facciamo freddare su una griglietta.
Mettiamo al microonde per circa 2 minuti la confezione di glassa, poi tagliamo un angolino e decoriamo la superficie dei muffin, cospargendo subito con gli zuccherini prima che si solidifichi. Lasciamo rapprendere la glassa e conserviamo in una scatola di latta.

Le dosi bastano per 6 stampi grandi per muffin o per circa 8-9 pirottini di carta di grandezza media.

giovedì 29 settembre 2011

Pollo con carote profumato agli agrumi


Oggi vado un pochino di fretta, tra breve mi dovrò iniziare a preparare per un appuntamente con la mia amica Michela, il mio fidanzato e il ristorante giapponese. Ebbene sì, amo la cucina etnica, qualunque sia la sua provenienza e credo fermamente che il pesce crudo (sashimi) sia una delle cose più buone che abbia mai mangiato, soprattutto considerando che a Cagliari il pesce è sempre freschissimo.
Però prima di scappare vi do la mia ricetta.

Ingredienti:
- 500 gr di pollo tagliato a pezzi
- il succo di 3 arance
- il succo di un limone
- 150 gr di carote tagliate a julienne
- 1 confezione di panna da cucina
- sale
- peperoncino
- olio

Prima di tutto mettiamo il pollo a marinare nel succo d'arancia per almeno 1-2 ore.
Trascorso questo tempo mettiamo sul fuoco un tegame capiente con un filo d'olio, ci versiamo il pollo senza il succo e lo lasciamo rosolare da tutti i lati per almeno 10 minuti con le carote. Man mano che la cottura procede aggiungiamo il succo d'arancia facendolo rapprendere piano, aggiungiamo infine il succo del limone, il sale, e un pizzico di peperoncino. Lasciamo terminare la cottura a fuoco medio.
Infine uniamo la panna e mescoliamo bene.




domenica 25 settembre 2011

Fagottini di pasta sfoglia ripieni di cioccolato



Anche la domenica mattina mi alzo presto. E' più forte di me.
Durante la settimana quando faccio il turno di mattina mi devo alzare alle 6 e così, anche quando potrei dormire fino a tardi, prima che canti il gallo sono in piedi, bella pimpante.
Oggi mi è venuta voglia di fare una torta, ma le fruste avrebbero svegliato Stefano, così mi sono "accontentata"  di preparare dei fagottini moooolto cioccolatosi....Ottimi freddi, ma goduriosi quando sono tiepidi, accompagnati da una bella tazza di te' earl grey (uno dei miei preferiti).
Non facciamo quasi mai colazione a casa, soprattutto la domenica, ma oggi è stato bello prendersela con calma, seduti a tavola, ovviamente ancora in pigiama e decidere cosa fare durante la giornata. Non vedo l'ora di poterlo fare in inverno, col camino acceso!




Ingredienti per 6 fagottini:
- 1 rotolo di pasta sfoglia
- 100 gr di cioccolato al latte
- 100 gr di cioccolato fondente
- 3 cucchiai di latte
- 1 tuorlo

Preparare queste meraviglie è facilissimo.
Apriamo il rotolo di pasta sfoglia e con un coltello la tagliamo in modo da ricavare sei quadrati.
Sciogliamo il cioccolato con il latte a bagnomaria o se preferite nel microonde.
Al centro di ogni quadrato mettiamo un cucchiaio di cioccolato, poi uniamo gli angoli in modo da formare dei fagotti, e subito capovolgiamo affinchè la chiusura rimanga sotto e non si noti.
Spennelliamo con il tuorlo sbattuto con un cucchiaio d'acqua e inforniamo per circa 15-20 minuti a 180°C.



venerdì 23 settembre 2011

Mojito




Fresco, dissetante, alcolico e leggermente frizzantino.
Tutto quello che si può richiedere a un aperitivo!!!

Ingredienti  per 2 bicchieri:
- 10 foglie di menta
- rum bianco
- acqua tonica o acqua minerale frizzante San Martino
- ghiaccio
- limone o lime

Per preparare questo cocktail l'attrezzatura indispensabile consiste in mortaio e pestello, per trarre dalle foglie di menta tutto il loro aroma.
Pestiamole bene dopo averle spezzettate con le mani.
Versiamo in ogni bicchiere un dito di rum, poi aggiungiamo la menta pestata e 4- 5 cubetti di ghiaccio. A questo punto allunghiamo con dell'acqua tonica per chi gradisce il suo gusto amarognolo, o dell'acqua minerale frizzante (io uso la San Martino perchè simile alla gassosa e dissetante).
Immergiamo in ogni bicchiere una fetta di limone o di lime e guarniamo con un rametto di menta.

Rotolo di pizza farcito




Ultimamente tempo libero ne ho veramente poco. Si lavora tanto, qualche volta facendo anche doppio turno, poi si torna a casa e come è ovvio, si crolla sfiniti sul letto dopo aver mangiato qualche cosa di veloce. Ieri mi sono portata avanti col lavoro.
Frugando nel frigo ho trovato una confezione di pasta per pizza, fortunatamente non scaduto, della salsiccia e una melanzana. Subito l'idea... di mischiare tutto! Così avrei fatto spazio in frigo, evitato che gli alimenti scadessero e preparato la cena in un'unica mossa. Veloce da preparare e velocissimo da mangiare!

Ingredienti:
- 1 confezione di pasta per pizza
- 1 melanzana
- 300 gr di salsiccia
- mezza cipolla
- 1 tazzina da caffè di vino bianco
- sale
- olio

Tritiamo la cipolla e tagliamo a dadini la melanzana. Poi mettiamo tutto a rosolare con un filo d'olio.
Tagliamo la cipolla a pezzetti e aggiungiamo anche questa nel tegame.
Una volta avviata la cottura sfumiamo con il vino bianco, aggiustiamo si sale e lasciamo sul fuoco ancora qualche minuto.
Una volta pronto, versiamo il nostro ripieno nella base per pizza che avremo adagiato in uno stampo per plum cake.
Ripieghiamo bene i lati e mettiamo in forno per circa 20 minuti a circa 180°C.





giovedì 22 settembre 2011

Mini muffin con pepite di cioccolato


Ho passato un'estate intera a parlare del mio blog con tutti, compresi i miei colleghi a lavoro, ma ahimè il tempo era sempre troppo poco per preparare qualcosa che allettasse le loro papille gustative. Ieri finalmente mi sono decisa, e per sondare il terreno, ho preparato qualcosa di semplice: dei mini muffin con pepite di cioccolato.
Mini perchè ho usato i pirottini piccoli; però vi confesso che una volta pronti l'effetto era sensazionale.
Cosa hanno detto i colleghi? Hanno tutti gradito, soprattutto Ivana, perennemente a dieta, che dopo il primo (che doveva essere anche l'ultimo) ne ha mangiati altri tre... Di fatto il contenitore in cui avevo riposto le mie piccole creazioni è tornato a casa vuoto, se si trascurano poche briciole rimaste sul fondo...



Ingredienti per circa 50 pirottini piccoli:
- 400 gr di farina
- 120 gr di zucchero
- 250 gr di burro
- 3 uova
- mezza tazzina da caffè di latte
- 1 bustina di vanillina
- 1 bustina di lievito
- 200 gr di cioccolato fondente.

In questo caso la preparazione è rapidissima. Non vi consiglio di usare le fruste perchè l'impasto tende a diventare molto duro, quindi un'impastatrice farebbe proprio al caso nostro, oppure se non l'avete, un robusto cucchiaio di legno.


Mettiamo in una terrina il burro e lo zucchero, e lavoriamo per ottenere un composto il più omogeneo possibile. Poi aggiungiamo la vanillina e le uova, poi la farina e il lievito, il latte e infine il cioccolato, che avremo precedentemente spezzettato grossolanamente con un bel coltello da cucina.


Mescoliamo ancora per qualche secondo, poi mettiamo l'impasto nei pirottini con un cucchiaino.
Dovrebbe bastare un cucchiaino di impasto per pirottino. Infine inforniamo per 10-15 minuti a 180°C.

mercoledì 21 settembre 2011

Manzo ubriaco al Cannonau


Ieri sera dopo aver fatto il doppio turno in clinica, sono andata a fare la spesa. Mentre passeggiavo per il reparto macelleria ho visto un bel pezzo di muscolo di manzo e istintivamente l'ho comprato, senza avere la benchè minima idea di come cucinarlo. Poi tornata a casa mi sono seduta, e davanti a un bicchiere di Pepsi pensavo "E ora? Cosa ne faccio di questo?".
Dopo vari ripensamenti, mi sono lanciata su l'idea più semplice: uno stracotto al cannonau.
Mi sono messa subito all'opera e nel giro di 2 ore era pronto, ma se decidete di riprovare questa ricetta, sappiate che più la carne cuoce più sarà buona.

Ingredienti per 2 persone:
- 500-600 gr di muscolo di bovino
- 1 cipolla
- 2 cucchiai di concentrato di pomodoro
- olio
- sale
- pepe
- peperoncino
- 1 bottiglia di cannonau di Sardegna o altro vino forte
- 2 foglie di alloro
- un rametto di timo
- 2 foglie di salvia
- un rametto di rosmarino

Procedimento:
Mettiamo il manzo sul tagliere e "picchiamolo" per bene con un batticarne, poi procediamo a tagliarlo a pezzetti piccoli.
In un tegame mettiamo un filo d'olio, e quando questo sarà abbastanza caldo potremo mettere la cipolla tritata e il concentrato di pomodoro. Lasciamo andare per qualche minuto e poi aggiungiamo anche il manzo. Lo lasciamo rosolare finchè la carne non cambia colore, mettiamo sale e pepe, e sommergiamo con mezzo litro di vino.
Aggiungiamo le erbe del giardino e il peperoncino, (io ne metto tanto perchè mi piace il retrogusto piccante), poi abbassiamo la fiamma al minimo, mettiamo il coperchio e lasciamo cuocere così per almeno un'ora controllando ogni tanto il livello di cottura.
Passato questo arco di tempo possiamo anche togliere il coperchio e sempre con gas al minimo, lasciar sobbollire fino a che il vino non si sia ridotto a sufficienza da lasciare un sughetto saporito.

Vi ricordo nuovamente che la carne più cuoce e più è buona, e che se il vino si dovesse asciugare prima del tempo potreste usare quello rimasto, in caso contrario, riempitevene un bel bicchiere a cena e brindate col vostro compagno/a.

lunedì 19 settembre 2011

Codina di salmone con funghi trifolati


Stanotte ha iniziato a piovere e non ha smesso fino a poco fa.
Prendo consapevolezza del fatto che l'estate non può durare in eterno, e che lentamente un fresco autunno sta facendo capolino; meglio così, finalmente si può passeggiare senza sudare come maiali e si possono osare ricette divertenti con i prodotti di stagione.

Per quanto riguarda la ricetta di oggi, vi potreste chiedere "Perchè la coda del salmone?".  Bè, io solitamente compro i tranci, ma questa volta il salmone era abbastanza piccolo e la coda (la parte che il pesce muove di più, e che quindi è più saporita) tagliata per lungo è completamente priva  di spine, basta solo togliere la lisca, semplice operazione che può fare anche il pescivendolo.

Ingredienti:
- 2 filetti di salmone ricavati dalla coda
- 300 gr di funghi di carne
- aglio
- prezzemolo
- olio
- 1 tazzina da caffè di vino bianco
- sale e pepe

Procedimento:
La cosa fondamentale in questa ricetta è non dimenticare di squamare il pesce. Non c'è niente di peggio che mangiare funghi e squame secondo me.
Fatto questo, mettiamo in padella olio, prezzemolo tritato e aglio. Appena la padella si scalda un pochino aggiungiamo i funghi, seguiti dopo pochi minuti dal salmone. Per insaporirlo bene io sfumo subito col vino bianco, poi ricopro il filetto con i funghi e lascio andare a fuoco basso col coperchio fino a cottura completata.

domenica 18 settembre 2011

Torta al supercioccolato


Venerdì sera ero a cena fuori, ospite di amici, e mi sembrava il minimo portare il dolce. Quindi, subito dopo pranzo mi sono applicata a preparare qualcosa di veramente buono che tutti potessero gradire, consumando una quantità di ingredienti assurda e combinando anche qualche pasticcio...
Ma veniamo alla ricetta:

Ingredienti
per la base:
- 250gr di farina
- 1 bustina di lievito per dolci
- 200 gr di burro o margarina
- 250 gr di zucchero
- 6 uova
- 1 cucchiaio di cacao amaro in polvere

per la farcia:
-1 confezione di budino al cioccolato
- mezzo litro di latte

per la copertura:
- 300 gr di cioccolato fondente
- 100 ml di panna

Procedimento:
La base che ho usato per la torta è un "pan di spagna veloce", una base ottima da farcire in qualunque modo, molto morbida ma compatta. Non è troppo asciutta e non si sbriciola.
L'ho preparata mescolando con tanta pazienza le uova e lo zucchero, poi ho aggiunto il burro morbido a pezzi, la farina, il lievito e il cacao. Quando l'impasto ci sembra abbastanza omogeneo possiamo metterlo in forno per circa mezz'ora a  180°C, ovviamente in una teglia imburrata e infarinata. Di recente ho anche provato a usare la carta da forno, ma non sono rimasta molto soddisfatta, e di conseguenza sono tornata ai vecchi metodi.

Per la farcia, quella del budino al cioccolato è stata una scelta di emergenza, perchè avevo finito le uova e nessun market vicino a casa è aperto alle 3 del pomeriggio. Però i miei amici sono rimasti piacevolmente sorpresi da questa trovata. Prepararlo è semplicissimo, mettete il contenuto di una busta per 4 persone in un pentolino con mezzo litro di latte e portate ad ebollizione mescolando continuamente, poi togliete dal fuoco e lasciate intiepidire.

Una volta che la torta è pronta, la leviamo dal forno e la mettiamo su una griglietta, la tagliamo a metà e la farciamo con il budino, che però deve essere ancora abbastanza liquido, altrimenti sarà impossibile stenderlo bene. Non ho bagnato il pan di spagna, è vero, ma credetemi non ce n'è stato bisogno perchè era talmente morbido che come condimento è bastato il budino.
Fatto questo non ci rimane che stendere la glassa sulla torta.
Facciamo sciogliere a bagnomaria o al microonde il cioccolato tagliato a quadrotti con la panna stando attenti che non si formino grumi, poi lo versiamo delicatamente sulla torta aiutandoci con una spatola per stenderla bene. A questo punto il gioco è fatto e ci si può divertire a decorare come meglio crediamo la nostra torta.

Mi raccomando quando la torta sarà pronta mettiamola in frigo per 1 oretta per far solidificare la glassa.


giovedì 15 settembre 2011

Ravioli dolci con sugo alla campidanese


Una telefonata a metà mattina "Amore, che fai?"
e io sereneramente rispondo "Niente di che, preparo i ravioli".
Subito un silenzio inquietante dall'altra parte del telefono, seguita da "Per informazione, quanti piatti e pentole stai sporcando?", risposta "Pochi amore, fidati di me...". Mento spudoratamente guardando la catasta di stoviglie ammassate nel lavandino che dovrò lavare velocemente prima che la mia dolce metà rientri a casa per pranzo e si accorga che nella nostra cucina è scoppiata una guerra.
Però sono soddisfatta. Sembrano buoni e il sugo è venuto bene.
A pranzo ne divoriamo 7 a testa, poi ci buttiamo sul divano per digerire questo frugale pasto alla sarda...

Ingredienti
per i ravioli:
- 700 gr di farina 00
- 5 uova
- sale
- un cucchiaio d'olio

Per il ripieno:
- 800 gr di ricotta di mucca
- 1 bustina di zafferano
- scorza di un limone
- scorza di un'arancio
- un cucchiaio d'olio
- sale

Per il sugo:
- 400 gr di salsiccia
- 2 barattoli di pomodori pelati
- olio
- mezza cipolla
- 1 bustina di zafferano
- 1 tazzina da caffè di vino bianco
- sale
- zucchero
- qualche foglia di basilico.

Con le dosi che vi ho dato per il sugo potete condire ravioli per circa 4 persone, più o meno 5 a testa, ma io amo esagerare e so già che qualcuno vorrà fare il bis.

Iniziamo a preparare la pasta: mettiamo a fontana la farina con un pizzico di sale e aggiungiamo le uova. Lavoriamo con le mani fino ad ottenere una bella palla che avvolgeremo in un canovaccio umido e lasceremo riposare per una mezz'oretta.






Mentre l'impasto riposa, prepariamo il ripieno condendo la ricotta con il sale, le scorze grattugiate degli agrumi e lo zafferano. Alla fine dovremo avere una farcia molto morbida color oro, molto profumata.





E' arrivato il momento di stendere la pasta, creando una sfoglia molto fine. Aiutandoci con un cucchiaino disponiamo dei mucchietti di ripieno ben distanziati tra loro su un lato della pasta; poi prendiamo l'altro lato e copriamo il tutto. Prima di tagliare la sfoglia è importante far aderire la pasta contro il ripieno, solo così i ravioli resteranno gonfi senza perdere il ripieno durante la cottura.

Disponiamo i ravioli su un vassoio dove avremo precedentemente posato un canovaccio cosparso di farina, e continuiamo così per i vari strati facendo attenzione che non si tocchino tra loro. Infatti la pasta si attaccherebbe e addio bel raviolino.

E' arrivato ora il momento di preparare il sugo. Sminuzziamo la cipolla e mettiamo a soffriggere in un filo d'olio, poi aggiungiamo la salsiccia che però andrà sfilata dal budello in modo che si sbricioli per bene.
Sfumiamo col vino, e aggiungiamo i pelati e lo zafferano. Aggiustiamo di sale e zucchero e lasciamo cuocere per almeno una mezz'ora. A cottura ultimata aggiungiamo il basilico, tagliandolo con le mani.
Cuociamo infine i ravioli in abbondante acqua salata e condiamo col sugo. A piacere possiamo condire ulteriormente con una spolverata di pecorino sardo.





Fagotto salato di pasta sfoglia


Inutile mentire. Capita a tutti prima o poi la giornata in cui non si ha voglia di cucinare neanche un piatto di pasta.
E allora cosa si prepara per pranzo? In quei momenti mi verrebbe da dire "Non si mangia" oppure "Andiamo a pranzo fuori", però in realtà uno sguardo annoiato al frigorifero si da lo stesso. Con passo stanco ci si avvicina all'elettrodomestico, la mano apre lo sportello, e nel giro di qualche istante ci si ritrova con la testa a fantasticare su qualche piatto godurioso che però non si può realizzare perchè mancano gli ingredienti...
Ma in fondo, dietro lo jogurt e le uova, fa capolino una confezione di pasta sfoglia, e il mio unico pensiero è : "Speriamo ne esca qualcosa di buono".
Alla fine il pranzo l'ho preparato velocemente ed era buono, ma comunque mi sono fatta portare a cena fuori la sera stessa.

Ingredienti:
- 1 rotolo di pasta sfoglia
- 400 gr di funghi misti o quelli che preferite
- 100 gr di pancetta affumicata tagliata a dadini
- 1 confezione di panna da cucina
- 1 uovo
- olio
- sale
- aglio

Mettiamo a rosolare in padella con un filo d'olio la pancetta.
Quando questa sarà dorata aggiungiamo i funghi, l'aglio e il sale.
Facciamo cuocere fino a completo assorbimento dei succhi di cottura, e solo a quel punto aggiungiamo la panna. Lasciamo ridurre ancora una volta. E quando avremo un ripieno asciutto ma cremoso togliamo dal fuoco e lasciamo intiepidire. Intanto disponiamo la pasta sfoglia su una teglia.
Riempiamo la pasta sfoglia e la chiudiamo portando verso il centro i quattro angoli, affinchè si formi un vero e proprio fagotto, prestando attenzione che sia ben chiuso e non ci sia spazio per far fuoriuscire il ripieno.
Spennelliamo con l'uovo e mettiamo in forno caldo a 170°C per circa mezz'ora, o comunque fino a che la sfoglia non si colori per bene.

mercoledì 14 settembre 2011

Torta di cioccolato e frutta secca


Forse sto diventando monotona, ma per me tutto quello che contiene cioccolato è una vera e propria goduria, un po' come una droga, e se durante l'estate ho tralasciato questa mia irrefrenabile passione, ora che l'aria è più fresca, mi ci dedico volentieri. Certo che essendo in due, anche una semplice torta è troppa. Meno male che ci sono amici e parenti che gradiscono, e che ci sollevano dall'ingrato onere di divorarci un'intera torta in due giorni...

Ingredienti:
- 120 gr di noci
- 30 gr di pinoli
- 1 tavoletta di cioccolato fondente
- 100 gr di burro
- 70 gr di farina
- 3 uova
- 4 cucchiai di caffè
- una bustina di lievito
- sale
- zucchero a velo.

Tritiamo le noci e i pinoli grossolanamente.
In una terrina lavoriamo con lo sbattitore le uova con lo zucchero, a cui poi aggiungeremo la farina, il lievito e un pizzico di sale.
Facciamo sciogliere a bagnomaria il burro con il cioccolato, e aggiungiamo anche questo all'impasto. Uniamo infine gli ultimi ingredienti, che sono il caffè e la frutta secca.
Inforniamo a 180°C per circa mezz'ora controllando col metodo dello stecchino il grado di cottura.





Questa ricetta partecipa a un food contest

martedì 13 settembre 2011

Coppa ubriaca


Cosa si può fare con dei muffin buonissimi, ma che non si ha più voglia di mangiare??? Tantissime cose, basta modificarli in qualcos'altro che ci stuzzichi l'appettito! Ecco così che nasce la mia coppa ubriaca, semplice e veloce da preparare. Sarà un ottimo dessert anche per i palati più esigenti.

Ingredienti per 4 coppette:
- 3 muffin al cioccolato (per la ricetta andate qui)
- 4 tuorli
- mezzo litro di latte
- 1 fiala di aroma al rum o due cucchiai di rum
- 120 gr di zucchero
- 60 gr di farina
- mezzo bicchiere di caffè lungo zuccherato

Per preparare questo dolce bastano pochissime mosse. Iniziamo preparando la crema pasticcera aromatizzara: mettiamo in una terrina i tuorli, lo zucchero e la farina. Lavoriamo finchè il composto diventa spumoso. Poi aggiungiamo a filo il latte precedentemente riscaldato e misceliamo il tutto. La base ottenuta andrà rimessa sul fuoco e girata in continuazione fino all'ebollizione. Ecco che la crema è pronta, aggiungiamo il rum, mescoliamo per bene e lasciamo raffreddare.
Mentre la crema si fredda prendiamo i muffin e li tagliamo a fette sottili circa 1 cm.
Ora non ci resta che comporre i nostri dessert.
Iniziamo con uno strato di muffin che andrà poi inzuppato con il caffè, aggiungiamo uno strato di crema, e continuiamo ad alternare fino al completo riempimento delle coppette.
Infine decoriamo con le briciole avanzate dei muffin (della serie "non si butta via nulla").
Ed ecco pronto il nostro dolce!

Muffin al cioccolato


Come resistere alla tentazione di provare a fare i muffin? Dolcetti meravigliosi, morbidi e gustosi, che fanno venire l'acquolina in bocca solo a vederli... Li ho preparati in un momento di creatività improvviso, apportando notevoli modifiche alla ricetta che avevo; comunque sono usciti molto buoni!

Ingredienti per circa 12 muffin:
- 300 gr di farina
- 300 gr di zucchero
- 100 gr di cacao
- 300 ml di latte
- 4 uova
- 150 gr di burro
- 1 bustina di lievito

Come al solito iniziamo lavorando le uova con lo zucchero, fino ad ottenere un composto spumoso. Poi aggiungiamo il burro ammorbidito e il latte, e infine, la farina, il cacao e il lievito.
Lavoriamo a media velocità con lo sbattitore per qualche minuto.
A questo punto non ci resta che riempire i nostri stampini e infornare in forno caldo per circa 20 minuti a 180°C.

lunedì 12 settembre 2011

Polpette di pollo arrosto

Rieccomi qui.
Dopo una settimana senza pc, in cui mi sono sentita come una naufraga su un'isola deserta, mi sono data alla cucina per sopperire alla mia dipendenza dal web, senza il quale ahimè, non posso stare. Comunque ora sono nuovamente in pista e vi propongo una ricettina semplice semplice, utilissima per riciclare il pollo arrosto avanzato. In casa mia il pollo dovrebbe avere solamente cosce e ali, perchè il petto lo odiamo e spesso e volentieri finisce nella ciotola dei cani. Per una volta, però, mi sono data da fare affinchè quell'odiato petto, reso stopposo dalla cottura alla brace si potesse trasformare in qualcosa di più appettitoso. Ecco qui:

Ingredienti:
- 300 gr di petto di pollo arrosto
- circa 50-60 gr di provola affumicata
- 2 uova
- noce moscata
- pane grattugiato
- sale q.b.
- olio per friggere


Procedimento:
Spolpiamo per bene la polpa del pollo dalla carcassa, e poi passiamolo nel mixer con le uova, mezzo cucchiaino di noce moscata, sale e un filo d'olio. Poi lavoriamo il composto con le mani, aggiungendo del pane grattugiato se risulta troppo morbido, e formiamo delle polpettine al cui interno depositeremo un cubetto di provola.
Per evitare che le nostre polpette si sfaldino, le passiamo nel pane grattugiato e infine le friggiamo in abbondante olio caldo.

Siccome possono risultare un pochino asciutte io consiglio di servirle con della panna aromatizzata con le erbe del giardino (io ho utilizzato il basilico) e un filo d'olio d'oliva.

domenica 4 settembre 2011

Crepe con mortadella e pistacchi


Buona domenica a tutti.
Oggi sono di splendido umore anche se la settimana appena terminata è stata veramente stancante, perchè ieri notte finalmente è iniziato a piovere. No, non sono matta. A me la pioggia rilassa, l'aria si rinfresca e tutto appare più calmo di come non sia in realtà.
Inoltre questo tempo così frizzante mi fa venire voglia di cucinare...
Finalmente mi sono potuta dedicare alla preparazione di una buona colazione salata a base di crepe per il mio fidanzato che a quest'ora ancora dorme, ragion per cui sarà ancora più felice al suo risveglio visto che non si aspetta questa sorpresina.

Ingredienti:
- 2 cucchiai di farina
- 3 uova
- 1 tazza di latte
- 5-6 fette di mortadella
- 2 cucchiai di granella di pistacchi
- sale q.b.
- burro

Preparare le crepe è veramente semplice, basta mettere in una terrina le uova e la farina e lavorarle energicamente fino ad ottenere una crema soffice e senza grumi. Poi aggiungiamo il latte, lentamente, sempre continuando a mescolare, e infine aggiungiamo un pizzico di sale che esalta l'aroma degli ingredienti.
Facciamo riposare in frigo per una buona mezz'ora.
Prendiamo una piastra antiaderente e mettiamola sul fuoco, quando sarà abbastanza calda mettiamoci una noce di burro, abbastanza grande da ungerla.
Ecco qui, ora possiamo versare con un mestolo abbastanza grande la base che abbiamo preparato.
Lasciamo il fuoco alto, e appena i bordi iniziano a dorarsi giriamo la nostra crepe e aggiungiamo 1-2 fette di mortadella e 1 cucchiaino di pistacchi. Velocemente pieghiamo in quattro e disponiamo sul piatto da portata.

venerdì 2 settembre 2011

Pollo e cipollotti allo zafferano


Fare l'infermiera mi piace da morire, ma non sempre è facile nè divertente. Ci sono giornate che sembrano non finire mai e altre che durano un battito di ciglia perchè non c'è un attimo per sedersi a riposare, nonostante ciò ci metto impegno e passione. Però certe sere quando torno a casa sfinita e con i piedi a pezzi ho bisogno di una valvola di sfogo, ed è allora che mi metto a cucinare. Basta aprire la dispensa, controllare rapidamente cosa è rimasto e creare qualche intruglio meraviglioso che insaporito a dovere saprà tirarci su anima e corpo.
Qualche giorno fa, mentre ero in pieno delirio culinario mi sono ricordata di avere comprato dei cipollotti al mercato, e visto che non ho avuto il tempo per farli in agrodolce mi sono dovuta inventare velocemente qualcosa prima che andassero a male.
Il mio fidanzato quando ha visto la cena ha pensato di ordinarsi una pizza salvo poi leccarsi le dita, perchè era veramente buono!!

Ingredienti per 4 persone:
- 15 cipollotti
- 800 gr di petto di pollo
- zucchero 2 cucchiai
- succo di un limone
- olio
- 1 bustina di zafferano
- sale q.b.
- maizena

Procedimento:
Iniziamo dal lavoro più noioso, cioè quello di sbucciare i cipollotti. 
Dopo mettiamo in un tegame lo zucchero con del succo di limone e quando inizia a caramellare aggiungiamo i cipollotti che lasceremo caramellare per qualche minuto.
Quando vedremo che sono ben dorate aggiungiamo un bicchiere d'acqua in cui avremo sciolto lo zafferano. Intanto tagliamo il pollo a dadini non troppo piccoli, lo passiamo nella maizena e lo buttiamo nel tegame, salando quanto basta.
Lasciamo cuocere a fuoco medio fino a che il sughetto si sarà ridotto lasciando una salsa morbida e cremosa.
Se necessario però durante la cottura aggiungere altra acqua tiepida.


giovedì 1 settembre 2011

Panico...

Carissimi oggi niente ricetta, però mi va di condividere con voi una cosa che mi è capitata. Presa dalla frenesia di dare un'aspetto più avvenieristico al mio blog, questo pomeriggio mi sono messa a cercare su google dei template adatti all'argomento che tratto. Purtroppo però, ho dimenticato di salvare il vecchio blog e così mi sono ritrovata con un'impaginazione completamente sballata... Vi lascio immaginare il mio panico e i momenti di puro terrore che ho passato. Alla fine mi sono rimessa a lavoro e nel giro di un'oretta abbondande sono riuscita a ripristinare tutto con uno sfondo che mi piace, ma vi assicuro che non mi cimenterò mai più in cose simili.